AGNELLO  ALLA  BOLIVIANA
Di  Adriano Ongaro 

Quando si rimane per diversi giorni in un campo base oltre i  4.000 metri, bloccati per svariate ore all'interno della tenda mentre fuori nevica, mangiando pappette riscaldate a malapena.... beh, forse si rimpiange un po' di non essere andati in vacanza a Rimini!

  

 

In realtà chi si spinge in questi angoli sperduti del mondo è ben consapevole che spesso serve molto spirito di sacrificio;  tutto questo viene ricompensato dalle sensazioni che si provano  ad essere in così stretto contatto con la natura e con popolazioni che sono distanti anni luce dalla nostra cultura.

Per raggiungere il campo base del Monte Illimani, che con i suoi 6.438 metri di altezza è la seconda montagna della Bolivia, si percorre un facile sentiero che risale una bellissima valle passando attraverso sperduti villaggi di pastori.

  

Durante la permanenza al campo base, oltre a guardare stupiti i portatori e le guide locali che giocavano a pallone malgrado la quota (prima che iniziasse a nevicare), abbiamo saputo che un altro gruppo di alpinisti (anzi, da queste parti si dice andinisti), prima di scendere a valle si sarebbe fermato a mangiare l'agnello nel villaggio che incontrammo salendo. Fortemente interessati all'argomento cibo, ci siamo adoperati per farlo anche noi. 

Iniziamo la discesa con l'occhio vigile, e non appena giunti nei pressi di una casa domandiamo se è possibile mangiare un agnello.  La risposta è stata affermativa, ma naturalmente non è un ristorante e di pronto non c'è nulla; andiamo quindi a scegliere direttamente l'animale da cucinare.   

 

     

 

 

 

 

In men che non si dica il "prescelto" viene sgozzato e spellato per poi essere abilmente macellato e preparato alla cottura.

            

 

 

 

 

             

             La parte più interessante è stata la preparazione del forno.  Vediamo il capofamiglia che prepara una  "casetta"  di pietre e accende un fuoco al suo interno.  Dopodichè  inizia a scavare una buca profonda circa mezzo metro.  In un primo momento non realizziamo che quello sarà il forno per il nostro agnello!    Lungo le superfici interne della buca vengono appoggiati dei pezzi di lamiera, mentre sul fondo  vengono depositate alcune pietre che nel frattempo sono diventate roventi.  

 

             

Vengono a questo punto adagiati vari strati di cibo: dapprima una manciata di piccole patate intere, poi un po' di agnello, altre pietre, ancora patate e così via.  I vari strati sono separati da fogli di carta che non è propriamente della carta da forno; sono dei manifesti di pubblicità elettorale e rimarranno poi appiccicati alla carne.  Per ultimo viene posizionato uno strato di ampie foglie raccolte al momento da una delle bimbe di casa, quindi il tutto viene ricoperto di terra.  

La cottura è durata circa due ore e alla fine non resta che disotterrare il tutto e, pazientemente, separare i pezzi di agnello dalla carta, operazione che viene svolta con perizia dalle due ragazze della famiglia.  Nel frattempo noi iniziamo a gustarci qualche saporita patata perfettamente cotta.

Quando finalmente tutto è pronto, ci trasferiamo su una specie di terrazzino dove viene messo in terra tutto il cibo (il tavolo non serve.....) e noi intorno con le sedie.  L'intera famiglia è accanto a noi ma sembra non voler partecipare al banchetto.  Dobbiamo insistere e passargli in mano i pezzi di carne e timidamente si uniscono a noi. D'altronde anche volendo noi, che eravamo in cinque, non saremmo riusciti a finire un agnello intero, e comunque ci sembrava giusto dividerlo con loro.  Malgrado l'agnello fosse stato appena macellato, non sapeva troppo di selvatico, il sapore era buono anche se la carne era un po' asciutta; effettivamente non era stato usato alcun condimento durante la cottura.

Ormai satolli decidiamo di ripartire, non prima di esserci accordati per avere con noi un mulo che portasse gli zaini. Raggiungiamo così Estancia Una, piccolo villaggio dove troveremo il mezzo che in circa tre ore di strade tanto assurde quanto stupende, ci riporterà nella città di La Paz.  

La  città di LaPaz

         

                 

                                                    Adriano Ongaro

 

 

inizio pagina     home page  "racconti"       home page