PARCO DELL'ADAMELLO - Passo del Vener˛colo
  
Un anello passando per il Rifugio Garibaldi

     Questo itinerario ci porta al cospetto dell' imponente parete nord del  Monte Adamello, pernottando al Rifugio Garibaldi.  

     1░ GIORNO.  Si parte da  Malga Caldea (m. 1.584), raggiungibile in auto dal paese di Tem¨. La prima parte del percorso, assai ripida, ci porta alla prima delle quattro dighe che incontreremo in questa giornata di cammino.  Il primo lago, chiamato Laghetto dell'Avio, Ŕ subito seguito dal pi¨ grande  Lago d'Avio e dal  Lago Benedetto. Il grande impatto dato dalle tre dighe e da tutto il cemento circostante rende questa parte del percorso un po' squallida, ma il bello viene dopo.

     Lasciati i laghi alle nostre spalle, finalmente l'ambiente diventa pi¨ selvaggio e giungiamo alla  Malga Lavedole (m. 2.044).  Da qui il sentiero principale prosegue per il Lago Pantano e quindi per il Rifugio Tonolini, ma noi pieghiamo a sinistra verso il  Lago Vener˛colo, che raggiungeremo percorrendo dapprima la Val di Vener˛colo, proseguendo poi per per un ripido tracciato chiamato il calvario

     Avvicinandoci al Lago Vener˛colo (formato anch'esso da una diga) tornano ad esserci varie costruzioni per lo pi¨ diroccate, ma la vista che si apre davanti ai nostri occhi Ŕ notevole: l'Adamello si mostra in tutta la sua bellezza. Giungiamo in breve alla mŔta di questa prima giornata: il  Rifugio Garibaldi (m. 2.548).  Il rifugio, durante il periodo di chiusura, Ŕ dotato di un accogliente locale invernale con due stanze, una per dormire e una per cucinare.

     2░ GIORNO.  Il programma di oggi prevede dapprima il comodo percorso che ci condurrÓ al  Passo del Vener˛colo (m. 3.136), punto pi¨ alto che raggiungeremo durante il giro, in meno di 2 ore di marcia. Da qui possiamo fare una piccola deviazione e salire alla nostra destra verso il Passo della Tredicesima e la Punta del Vener˛colo, dove troviamo resti di appostamenti militari della guerra 1915-18.

     Tornati al passo del Vener˛colo iniziamo a scendere percorrendo il ghiacciaio chiamato  Vedretta di Pisgana, fino a giungere a una quota di circa m. 2.750, dove ricominciamo a salire ripidamente verso la  Bocchetta della Calotta (m. 2.958). In presenza di molta neve non Ŕ semplice trovare il percorso giusto, in quanto le indicazioni presenti sulle pietre sono coperte. Proprio nella stretta bocchetta Ŕ stato posizionato nel 1983  il  Bivacco Francesco Regosa.

     Iniziamo ora la lunga discesa dapprima attraverso un divertente nevaio, giungendo poi alla Valle di Salimmo, dove i segni del sentiero sono veramente pochi (qualche ometto di pietra qua e la) e bisogna prestare la massima attenzione.  Giungiamo quindi al  Bivacco Spera (m. 1.683), graziosa costruzione in legno.  Da qui il sentiero si fa pi¨ evidente ma ripido e in breve si scende sulla strada (quota m. 1.547), che risaliamo a sinistra per giungere in pochi minuti nuovamente a Malga Caldea.

1░  GIORNO
Punto di partenza Punto di arrivo Dislivello Ore di marcia

TEMU'  Malga Caldea

m.  1.584

Rifugio Garibaldi

m.  2.548

+  m. 964 2h 30' - 3h

DIFFICOLTA'   "E"  Escursionistica

2░  GIORNO

Punto di partenza

Punti di transito

Punto di arrivo

Dislivello

Ore di marcia

Rifugio Garibaldi

m.  2.548

P.sso del Venerocolo

m. 3.136

Bocchetta della Calotta

m. 2.958

TEMU'

Malga Caldea

m.  1.584

+ m. 833

- m. 1.797

6 h

DIFFICOLTA'   "EE"  Escursionisti Esperti

 

Autostrada Milano-Venezia  uscita Seriate

Percorrere la statale 42 passando da Lovere, Edolo, fino a giungere a Tem¨.  Da qui cercare le indicazioni per Malga Caldea.

Superstrada Milano-Lecco-Colico,  poi seguire per Sondrio

Percorrere la statale della Valtellina, superare Sondrio e dirigersi poi al Passo dell'Aprica. Proseguire per Edolo e Tem¨, dove troviamo le indicazioni per Malga Caldea.

Dopo l'ultimo dei Laghi d'Avio, l'Adamello si mostra con tutta la sua imponenza.

 

 

Il Lago Vener˛colo e il Monte Adamello visti dal Rifugio Garibaldi.

 

 

Il Rifugio Garibaldi e, ben visibile sullo sfondo, il Passo del Vener˛colo.

 

 

Il Passo del Vener˛colo, m. 3.136

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

L'itinerario sopra descritto Ŕ stato portato a termine nei giorni  2 e 3 novembre 2001  (foto di giugno 2003)

     Itinerario correlato:  MONTE ADAMELLO - Un lungo anello salendo dal Passo Brizio e scendendo dal Passo Adamello

 

|  inizio pagina     home page  "Itinerari"       home page    |    e-mail   |

Le fotografie sono di proprietÓ dell'autore. L'eventuale utilizzo di tali immagini deve essere autorizzato dall'autore.